Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne: i numeri sono allarmanti!

Oggi si celebra la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, una ricorrenza istituita dall’ONU  con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto a un fenomeno tutt’altro che sradicato, anche nelle società più sviluppate.

La data del 25 Novembre è stata scelta in ricordo dell’uccisione delle sorelle Mirabal, avvenuta nel 1960 a Santo Domingo. Le donne furono torturate, bastonate e strangolate dai militari di Trujillo. L’omicidio de “Le farfalle” ha scatenato una dura reazione popolare sfociata, nel 1961, nell’uccisione di Trujillo e quindi alla fine della dittatura.

La prima commemorazione del 25 novembre risale al 1980, in occasione del primo Incontro Internazionale Femminista, a Bogotà, in Colombia. In seguito l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità nel 1998 l’internazionalizzazione della commemorazione di questa data e, successivamente il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134, ha istituito la Giornata Internazionale.

Il fenomeno non decresce, secondo la polizia, sono stati 32 i femminicidi registrati in Italia nei primi nove mesi del 2018, “Fenomeno tragicamente alto” dichiara il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Intanto il ministro della giustizia Alfonso Bonafede annuncia che le misure sul “Codice rosso” contro la violenza sulle donne, per dare una corsia preferenziale a denunce e segnalazioni, saranno all’ordine del giorno del prossimo Consiglio dei Ministri.“Si viaggia a una media di 150 l’anno, quasi uno ogni due giorni. Omicidi consumati nei contesti familiari, per mano di mariti o partner, ex o altri familiari. – dichiara il Ministro Bonafede- Non c’è più tempo da perdere.”

Al grido di “Non è normale che sia normale” parte la campagna presentata a Montecitorio dalla vicepresidente della camera Mara Carfagna. Una campagna assolutamente bipartisan che ha visto oggi la presentazione di un emendamento per istituire un ulteriore fondo per assistere le famiglie affidatarie di orfani di femminicidio.

Colore di questa giornata è il rosso, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, significativa è la presenza di una panchina dipinta di rosso in ogni città d’Italia per ricordare le donne vittime di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *